Videosorveglianza

VIDEOSORVEGLIANZA:

E' BENE NON SCHERZARCI PIU'!

Tutte le aziende che hanno personale dipendente e utilizzano o hanno intenzione di usare telecamere di sicurezza hanno l'obbligo di richiedere un'autorizzazione preventiva al Ministero del Lavoro. 

Per ottenere una consulenza sugli obblighi previsti dalla normativa è a disposizione il nostro sportello "Privacy e Sicurezza".

I nostri consulenti sono in grado inoltre di seguirvi in tutto il percorso di presentazione della pratica autorizzativa.

Le regole

L'art. 4 della Legge n. 300 del 1970 stabilisce che gli impianti audiovisivi e gli altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell'attività dei lavoratori possono essere impiegati esclusivamente per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale.

Le aziende che intendono installare nei luoghi di lavoro un impianto di videosorveglianza, in difetto di Accordo con la rappresentanza sindacale unitaria o la rappresentanza sindacale aziendale, hanno l'obbligo di munirsi di apposita autorizzazione all'installazione ed all'utilizzo dell'impianto, rilasciata dall'Ispettorato Territoriale del Lavoro competente per territorio, previa presentazione di apposita istanza.

Le imprese con unità produttive ubicate in diverse province della stessa regione, ovvero in più regioni, possono presentare apposita istanza o alle singole sedi territoriali dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro ovvero alla sede centrale dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro.



L'iter in sintesi

1) Richiesta di autorizzazione all'Ispettorato del Lavoro

(preventiva rispetto al montaggio delle telecamere)

2) Attivazione delle procedure di Verifica da parte degli Organi competenti e rilascio dell'Autorizzazione

3) Firma dell'informativa Privacy ai dipendenti e affissione cartelli Videosorveglianza in azienda

4) Montaggio e accensione delle telecamere