FASE 2: L'ITALIA CHE RIPARTE

 

di Elisa Baccichet

 

 

Sono ormai trascorsi due mesi da quanto, attoniti davanti al televisore, gli italiani hanno appreso la notizia più strana degli ultimi decenni: d'improvviso dovevamo tutti restare in casa. 

Abbiamo cambiato le nostre abitudini, ci siamo preoccupati, abbiamo riso e abbiamo pianto; abbiamo imparato a fare cose che non pensavamo avremmo mai potuto fare.

In questi due mesi abbiamo parlato con tante aziende, clienti di vecchia data e nuovi clienti; imprenditori impauriti ma forti; consapevoli e responsabili.

Siamo stati fortunati perchè abbiamo imparato molto da questi due mesi. Abbiamo imparato che gli imprenditori del nostro territorio sanno guardare avanti e reinventarsi, ritagliandosi un proprio spazio in un mercato economico confuso e disarmato, di fronte ad un piccolo tremendo nemico invisibile. Siamo stati fortunati  nel poter imparare dalla loro tenacia, così come dalla forza d'animo di coloro che hanno sfruttato questo periodo per riorganizzare le proprie aziende, nella speranza di poter riaprire "il bandone" il prima possibile, TUTTI (e sottolineo TUTTI) nel massimo rispetto delle regole che il Governo ci stava imponendo.

Siamo stati fortunati ad aver avuto l'opportunità di stare vicini ad ognuna di queste aziende, in un momento così importante e delicato: ci siamo ascoltati a vicenda, abbiamo dato ed ascoltato consigli sulle "nuove modalità organizzative" delle aziende.

Abbiamo fatto prove organizzative con i clienti, controllato le distanze di sedie e tavoli, visionato DPI e pannelli divisori, affisso cartelli ed informative... scritto protocolli...tanti protocolli... Ma finalmente ci siamo: la tanto attesa "Fase 2" è arrivata!

Stamani nel vedere i bandoni finalmente aperti, abbiamo visto una città che si sta svegliando, riassaggiando i primi raggi di sole. 

Sappiamo che purtroppo le difficoltà non sono finite, che le imprese sono in difficoltà e che tanti posti di lavoro sono a rischio, ma piano piano torneremo alla normalità.

Un grazie a chi ha creduto in noi in questi due mesi: a chi ci ha chiamati per avere consigli sulle normative e consulenze tecniche ed organizzative. 

Un grazie sincero a tutti voi, da tutto lo staff di CFPI.